C'l artìcul chè 'l è scrit in Bulgnais Emiliàn

anadréna fammna ch'la nuda int'l acua


Pr äli anadréni as cunsìdera di usii chi viven in di ambiént tais i lèg o i fiòmm. Ii s vadden sòbbit parché i an un col còrt, ch'lè pò qual ch'ali diferénzia dai zéggn o dali oc.

Ali anadréni an dal piomm divérs a scand dal sès. Pòc stmén dåpp la canbiaziån dal piumagg', al masti al tol un piumagg' cumpagn a quall d'la fammna. Ali anèder fan al nid in tèra o in di bûs.

Manîri 'd dìr

  • (BLG) Śnadrazèr, (IT) Sguazzare, divertirsi facendo il bagno.[1]
  • (BLG) An savair gnanc quant sî pî i an trai anâder, (IT) (lett.) Non sapere neanche quanti sei piedi hanno tre anatre, (fig.) Essere ignorante e rozzo.[2]
  • (BLG) Ciapèr un’anâdra, (IT) Ubriacarsi.[3]
  • (CARPŚ) e (IT) Sgnōr Vò, se i suoi nàtteri vengono ancora a sguassaràre nel mio sito, io ci trò! - Ci trìa pure, che tanto i miei nàtteri sono così fòrrbi che si vanno a logàre drìo i lotti, (IT) Senta Lei, se le sue anatre vengono ancora a sguazzare nel mio sito, io sparerò loro! - Ci spari pure, che tanto le mie anatre sono così furbe, che si nasconderanno dietro i mucchi di terra.
  • (CARPŚ) Et gh'ê na sùca ch'a n'la pèca gnanc i nader, (IT) Hai una tale zucca, che non la beccano neanche le anatre.

Noti e referèinzi

  1. (IT) e (BLG) Dizionario Bolognese, ed. Vallardi, Milàṅ, 2012.
  2. Ibidem.
  3. Ibidem.