Differenze tra le versioni di "Orasiòun (religiòun)"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
 
 
 
[[File:BenedictineVespers.jpg|360px350px|thumb|right|Soquànt benedetèin drē a cantèr dagli orasiòun.]]
 
L''''orasiòun''' (''orazione'', ''preghiera'' in [[itagliàn|itagliàṅ]]) l'è n'invocasiòun a la divinitê che di quêl i vaghen bèin, per la salùt, per la pêś, per la famìja, e vìa acsè.
 
==Manéri 'd dìr==
* {{carpś}} L''''urasiòun''' benedèta la vêl più che na [[Mèsa]],<ref>{{carpś}} e {{it}} In dal ''"Dizionario del dialetto carpigiano"'' dal Grasiàn Malagòli e dl'Anna Marìa Ori, [[Mòdna]] 2011, a s escrìv: ''„L''''orasiòun''' benedètta la vèel più che 'na mèssa”''.</ref> {{it}} ''La preghiera benedetta vale più di una Messa''.<br><br>
 
====Ruziunzèina natta natta====
{{CITAZIONE2|Ruziunzèina natta natta<br>la vel pió ch'an fa 'na Massa.<br><br>A la famm dir a Sant'Ana,<br>San Pir al la ciama,<br>San Jusef al gh'arispand.<br><br>Broch in zél e dét in fand<br>aqua dal mer<br>pumèin dal ter<br>funtana dal Paradis<ref>N'ètra variànta dl'orasiòun la dirèv ''„...Broch in zel e radis in fànd, lumèin d'altèr, aqua dal mèr, funtanèina dal Paradiš...”'', indû i ''"[[broch]]"'' i s'rèven i [[râm]] di [[élber]] ch'i s lév'n in dal cēl in dal mèinter che 'l ''"raîś"'' gl'ìn fichèdi in dal fònd edla tèra (paǵ 5 ed ''"Le orazioni della nonna"'', [[Spilambèrt]], 24 ed śùgn dal 2014).</ref><br>beet cal cor ch'la dis.<br><br>Chi la dirà treintanov volt<br>la sira dla Vizeglia ed Nadel<br>préma d'ander a zner<br>l'alvarà un'alma<br>d'ind al pèin dal Purgatori<br>e al la metrà in Paradis.<br>Beet cal cor ch'la dis.<ref>{{spil}} e {{it}} ''Ibidem'', paǵ 8.</ref>|'''Orazioncina''' netta netta<br>vale di più che non fa una Messa.<br><br>La facciamo dire a Sant'Anna,<br>San Pietro la chiama,<br>San Giuseppe le risponde.<br><br>Presa in cielo e detta in fondo<br>acqua del mare<br>pomini delle terre<br>fontana del Paradiso<br>beato quel cuore che la dice.<br><br>Chi la dirà trentanove volte<br>la sera della Vigilia di Natale<br>prima di andare a cenare<br>toglierà un'anima<br>dalle pene del Purgatorio<br>e la metterà in Paradiso.<br>Beato quel cuore che la dice.|'''''"Le orazioni della nonna"''''', [[Spilambèrt]], 2014|DIALETTO={{it}}|LINGUA={{spil}}}}<br>
22 959

contributi