Differenze tra le versioni di "Orasiòun (religiòun)"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
 
====Ruziunzèina natta natta====
{{CITAZIONE2|Ruziunzèina natta natta<br>la vel pió ch'an fa 'na Massa.<br><br>A la famm dir a Sant'Ana,<br>San Pir al la ciama,<br>San Jusef al gh'arispand.<br><br>Broch in zél e dét in fand<br>aqua dal mer<br>pumèin dal ter<br>funtana dal Paradis<br>beet cal cor ch'la dis.<br><br>Chi la dirà treintanov volt<br>la sira dla Vizeglia ed Nadel<br>préma d'ander a zner<br>l'alvarà un'alma<br>d'ind al pèin dal Purgatori<br>e al la metrà in Paradis.<br>Beet cal cor ch'la dis.<ref>{{spil}} e {{it}} ''"Le orazioni della nonna"'', [[Spilambèrt]], 24 ed śùgn dal 2014, paǵ 8.</ref>|'''Orazioncina''' netta netta<br>vale di più che non fa una Messa.<br><br>La facciamo dire a Sant'Anna,<br>San Pietro la chiama,<br>San Giuseppe le risponde.<br><br>Presa in cielo e detta in fondo<br>acqua del mare<br>pomini delle terre<br>fontana del Paradiso<br>beato quel cuore che la dice.<br><br>Chi la dirà trentanove volte<br>la sera della Vigilia di Natale<br>prima di andare a cenare<br>toglierà un'anima<br>dalle pene del Purgatorio<br>e la metterà in Paradiso.<br>Beato quel cuore che la dice.|'''''"Le orazioni della nonna"''''', [[Spilambèrt]], 2014|DIALETTO={{it}}|LINGUA={{spil}}}}<br>
 
====Sgnōr, a vag a lêt====
{{CITAZIONE2|Sgnōr, a vag a lêt<br>cun Dòmino a 'm aspêt,<br>cun Dòmino magiōr,<br>cun Cristo salvadōr.<br>S'a vgnìs ch'a n'm alvàs,<br>l'anma mèia a Dio a làs.<br>A la làs a San Michēl,<br>ch'al 'm la péśa,<br>ch'al 'm la lèva,<br>ch'al 'm la mèta a léber sō.<br>Benedàta st'uraziòun,<br>chi 'm l'insgnò<br>e cal dè ch'a l'imparò.<ref>{{it}} e {{mud}} ''Il grande libro delle filastrocche & fòle modenesi'', dal [[Sandro Bellei|Sander Bellei]], [[Frèra]], 2006.</ref>|Signore, vado a '''letto'''<br>col Signore mi aspetto,<br>col Signore maggiore,<br>con Cristo salvatore.<br>Se succedesse che non mi alzassi,<br>lascio la mia anima a Dio.<br>La lascio a San Michele,<br>che me la pesi,<br>che me la lavi,<br>che me la metta a suo piacimento.<br>Benedetta quest'orazione,<br>chi me l'insegnò<br>e quel giorno che l'imparai.|'''Orasiòun mudnéśa'''|DIALETTO={{it}}|LINGUA={{mud}}}}
 
====A lèt, a lèt a vói ander====
{{CITAZIONE2|A lèt, a lèt a vói ander,<br>tótt i Sant a vói ciamèr,<br>tri da có e tri da pé,<br>tott i Sant e i me fradé.<br>Madunèina bouna medra,<br>Sgnor boun peder,<br>San Zvan boun pareint,<br>s'an durmamm sicurameint,<br>sicurameint a durmiramm<br>e stanot a s'insugnamm.<ref>{{spil}} e {{it}} ''"Le orazioni della nonna"'', [[Spilambèrt]], 24 ed śùgn dal 2014, paǵ 53.</ref>|A '''letto''', a letto voglio andare<br>tutti i Santi voglio chiamare,<br>tre alla testa e tre ai piedi,<br>tutti i Santi e i miei fratelli.<br>Madonnina buona madre,<br>Signore buon padre,<br>San Giovanni buon parente,<br>se non dormiamo sicuramente,<br>sicuramente dormiremo,<br>e stanotte sognamo.|'''''"Le orazioni della nonna"''''', [[Spilambèrt]], 2014|DIALETTO={{it}}|LINGUA={{spil}}}}
 
 
22 958

contributi